15 nov 2016

Bijagos, comincia la vera Africa

All ancora davanti a Bubaque, fatte le carte in due giorni, decidiamo di partire.
Il canale do Fundao e' come l entrata del golfe du morbihan, in quesdti giorni di sizigie 4-5-6-7 nodi di corrente.
Catena a picco, tira di qui, tira di la, allenta, tira di nuovo, girotondo e controgirotondo, nulla: in barca il segno dei 30m di catena filata, profondita 7-8m, la catena eh attorcigliata contro un blocco di pietra, ho-hum.
Abbiamo tre ancore, prima di abbandonarne una c eh da provarle davvero tutte.
Problema aggiuntivo, il fondo eh verticale, in dieci metri passa da 15m di profondita a 3m.
Cero quamcuno che possa andare sott acqua a sgavinare tutto mentre io manovro: nel villaggio due ragazzini mi indicano un giovane che sa immergersi. Aspetto circa una ora che termini il suo torneo di calcetto, poi tutti in barca.
Nel frattempo Daphne eh in barca, vede mezzo villaggio arrivare sull riva e sedersi sugli scogli, chissa perche? Vogliono vedere lo spettacolo.
Arriviamo con il ragazzino piu due suoi amici, 3-4 nodi di corrente, remanso a bassa marea con direzione ancora piu caotica, l idea eh mettersi quanto piu in stazionario con il motore, allentare la caztrena in modo che lui la liberi un po alla volta, e via cosi.
Strattoni a non finire, allarme di profondita a 2.5m che suona, barca che riparte all impazzata. 
Dai e dai, Daph al timone, io a prua con catena e ganci di ancoraggio per evitare di perdere mezza prua, tira e molla, molla e tira, il ragazzino cfhe fa su e giu. Mezz ora di lavoro, tiriamo su fino al segno dei 20m di catena, profondita 25m, siamo liberi. Il villaggio festeggia sulla riva.

Usciamo dal canal do fundao e ci mettiamo a SE di Rubane, solo 3 nodi di corrente, l isola di fronte, davanti a una spiaggia chilometrica, con vegetazione equatoriale alberi e palme alti decine di metri. Maravilha.

3 commenti:

nicola ha detto...

ciao bello,
ma per scrivere hai utilizzato il correttore in portoghese, ho avevi ancora le dita tremanti?

con invidia
BV

Anonimo ha detto...

Questo si che è spingersi oltre! Congratulazioni!

Filippo

Branca branca branca ! ha detto...

Dita grosse e tablet con schermino minuscolo...

Comunque che roba questi posti, tanto bellissimi e selvaggi quanto frontiera della navigazione a vela