29 giu 2009

VID - Arrivo a A Coruña

L'arrivo la mattina a A Coruña, abbiamo rallentato un po' per arrivare alle prime luci dell'alba, pensa te rallentare il camion oooohhh.
Notare la pronuncia ès-16ème arrondissement di Antonio:"supèèèèèr"

video

27 giu 2009

VID - In traversata

Un videino della traversata del golfo, una gran bella tirata di un giorno tutto con lo spi, poi motore, un po' di nebbiolina di notte.
Prossimo video l'arrivo a A Coruña.
Prossimo prossimo video il delfino di Sada: un porticciolo con un delfino residente, è lui il padrone del porto.




video

26 giu 2009

VID - Partenza

Alcune immagini prese alla partenza, Antonio che voleva carpire l'attimo fuggente, un passaggio alla base dei sottomarini tedeschi della Seconda Guerra, vicino c'è la Cité de la Voile dove tengono i mini, i figaro, i vor, insomma quella roba da indemoniati della velocità.

Quando si vede il tri Banque Populaire, c'è un ometto che ci passa sopra, una specie di segmentino nero, cercate di individuarlo se non altro per avere un'idea relativa della dimensione della bestia; l'entrata di Pen Duick a vela che quando ha saputo che ce ne andavamo ha voluto fare il pavone ah ah ah



video

25 giu 2009

VID - Salvamento

Voglio anch'io i motori per andare di traverso che ha il coso arancione. La barca rimasta senza motore fa un bel dodici tredici metri, la sposta direttamente di traverso "come fosse fuscello spinto da brezza"


video

24 giu 2009

VID - Dotazioni autogonfiabile

Le dotazioni trovate dentro alla zattera







video

23 giu 2009

VID - Oh che bella piscina

Abbiamo aperto la vecchia zattera, tanto per vedere l'effetto che fa.

Zattera di dieci anni, ultima revisione tre anni fa.






Fatto un filmino anche delle dotazioni che ci sono dentro, pero' visto il tempo che ci mette a caricarlo mi sa che verrà fuori domani o dopodomani.

21 giu 2009

VID - Utile e inutile

L'oggetto più utile in barca, seguito da quello più crudelmente inutile



video

20 giu 2009

Un paio di foto tre

Il faro di A Coruña, il più antico faro ancora in attività. Almeno se si crede ai depliant che dicono che Cabo Finisterre è il punto più a ovest dell'Europa invece i portoghesi glielo fregano con Cabo da Roca.


Photobucket

Qui veniva da ridere, una baietta dove mi sarei potuto fermare era proprio li', visibilità circa uguale a tre metri non si sarebbe potuto prendere un terzarolo perché non si sarebbe vista la fine del boma. I generatori eolici, grandi protagonisti dello sviluppo della zona, assieme ai promotori immobiliari residui della costa brava.

Si', si', varea, varea.


Photobucket

Il Branca al sole, vento e sole sembra di essere a Mikonos.

Photobucket






19 giu 2009

Racon occidentali

La costa attorno al Finisterre è molto alta, i monti cadono verticali in mare da qualche centinaio di metri di altezza. I fari stanno lassù, quando c'è visibilità li si vedono da decine di miglia di distanza, quando c'è appena un po' di foschia sono talmente alti che scompaiono subito.
La zona è quindi coperta da diversi Racon, sono risponditori radar che riflettono un segnale radar ricevuto facendo apparire un segnale morse caratteristico.
Nella foto qui sotto il passaggio dal racon di Cabo Toriñana (il punto più a ovest dell'Europa continentale), che emette la lettera T in morse (la barra solida che si vede sullo schermo di poppa verso sinistra), e il racon di Cabo Finisterre, praticamente al traverso di sinistra, che emette la lettera O (anche se a vederla cosi' sembra più una S)
Photobucket

Buffo vedere come un radarino piccolo come il mio sia trattato alla stessa stregua dei radaroni dei navoni, il racon risponde a tutti.


17 giu 2009

"Sur de Fisterra"

Da A Coruña abbiamo cercato di andare verso ovest, per scapolare il capo Finisterre, anzi diciamo avvicinarsi al capo: rimbalzo storico, un sacco d'ore di bolina per poi dover fare dietrofront e rientrare al punto di partenza, tutto sotto la pioggia.
Gli "amici" che scommettono sulla data del divorzio, se Daphne dovesse vedere il tempo che abbiamo avuto manderebbe giù l'avvocato al posto suo.

Poi la banda dei tre è rientrata a casa, buffo come siamo stati veramente bene, persone praticamente sconosciute le une alle altre, hop due settimane di mare senza uno screzio, anzi divertendosi e mangiando da dio visto come cucinavano Pascal e François. Antonio lui mangiava ah ah ah.
Qualche filmetto quando riusciro' a tagliare i pezzi inutili.

Frenesia, appena sono partiti sono uscito anch'io per tentare di andare sempre verso il capo Finisterre. Bum, banchi di nebbia fitti fitti. In questo pezzo di costa o c'è ventolone o nebbia, a scelta. Grazie a tutti per aver montato il radar nuovo, ho fatto gran parte del percorso con il radar sulle ginocchia (il supporto l'ho montato solo dopo) a fare graficini con i pallini neri, corso accelerato di tecnica radar, devo dire molto efficace quando le natiche si stringono.
Bestemmie contro i gabbiani che quando stanno li' davanti in acqua nascosti dalla nebbia appaiono come una formazione di UBoot, solo che almeno loro volano via.

Arrivo a Camariñas, gioiellino delle Rias Altas: barche inglesi, due svedesi che viaggiano insieme, una norvegese, due francesi.

Le previsioni davano per venerdi'-martedi' una successione di burrasche da NE, stamattina mi sono alzato presto e sono partito. Bonaccia, devo passare il Cabo Finisterre quindi faccio comunque un terzarolo in segno di rispetto; bum nebbione n'ata 'vota. Pero' è durato poco, bel NE 5Bft sceso giù in discesa a tutta velocità.
Raffiche sul capo, poi la temperatura che si alza di 4-5° d'un botto, benvenuti nel "Sur de Fisterra".
I bollettini sono sempre scissi in due parti: "Norte de Fisterra" e "Sur de Fisterra", da un lato pioggia, freddo, ventolone, dall'altro roba tipo "microclima", calduccio, clima premediterraneo.
Siamo qui, ancora un passettino in avanti.

09 giu 2009

VID - Burrasca e gassa volante

Due giorni di cattivo tempo, 7-8 da SW (non diciamo neanche in che direzione vogliamo andare), non ci si muove dal porto. Con il nobile intento di risuscitare un sorriso nei visi mogi di tutti, un piccolo nodo simpatico simpatico, meglio se fatto davanti a un molo che si aspetta l'ennesimo errore di ormeggio con la barca bonnk in banchina e invece voi splafffff sorprendete tutti con un nodo cosi'.

Magari la barca va in banchina ma chi lo sa fare un nodo cosi' ah ah ah ?







video
Ok ok non saltate su tutti, non è una gassa ortodossa, ma si slega e tiene altrettanto bene della classica, e poi provate a far ridere con un nodo un equipaggio scalpitante costretto due giorni in porto...

05 giu 2009

Arrivati

Dopo il "Quasi pronti", beh, il primo golfo di biscaglia è passato.

O meglio, ci ha lasciato passare senza bastonarci né metterci troppi bastoni fra le ruote (si' si' ce le ha anche una barca).

Il meteo tutto sommato sorprendentemente conforme alle indicazioni ensemble di dieci giorni fa (vedi messaggino precedente), dava una situazione in leggera degradazione per il 5-6, quindi abbiamo preso Pascal il 2 giugno in porto, fatte in quattro e quattr'otto le presentazioni con la barca siamo partiti due ore dopo.

Il primo giorno e mezzo di NE 4-5Bft quindi spi e il Branca a 7-8 nodi (dopo deve tirare il fiato pero'), poi dopo per il resto ventolino, abbastanza motore.
Del tonno di Guascogna neanche l'ombra, ehm la scia.

François ci ha fatto il routing con le polari del Branca e il sistema Adrena: saremmo arrivati venerdi' 5 notte, era certo.
Il routing meteo del Branca grazie a Mister Perkins ci ha fatto invece arrivare il 5 di mattina presto, chiamateci più equatoriali che polari.


Un grazie di cuore a chi ci ha manifestato la simpatia di chiederci se eravamo arrivati o anche solo partiti, fa caldo al cuore, anche se rimbambito in tre giorni ho dormito tre quattro ore in tutto che i figaristi mi fanno un baffo si apprezza molto un gesto spontaneo.
Parlando di fatica: il tempo di ormeggiare, scendere a terra, rigirarsi verso il Branca pacioccoso... solo a guardarlo subito voglia di ripartire.
"Co' co' co' cosa stiamo a fare qui", pa' se leggi, la vecchia condanna: quando si è in mare si ha voglia di arrivare in porto, non appena si è in porto si ha voglia di riuscire in mare.

A presto, oltre al filet mignon e al curry di pollo abbiamo fatto un po' di filmini che magari saranno più buffi. Facile, chi puo' trovar buffo un filet mignon