31 dic 2009

Idee di percorso

A forza di pensarci su abbiamo un'idea un po' più chiara per i primi mesi, almeno per latitudine ah ah ah
- maggio giugno nella costa atlantica SW spagnola e portoghese; eventualmente cominciare discesa lungo la costa del marocco
- luglio scendere giù lungo il marocco, eventualmente passando da Madeira,
- fine luglio, agosto (inizio settembre?) alle Canarias, molto probabilmente riporteremo le bambine in Italia per due tre settimane con i nonni
- settembre ottobre canarias - cabo verde (se passa l'epidemia di dengue che c'è ora, ma insomma dovrebbe), oppure meglio Canarias - Senegal
- novembre, dicembre, gennaio sempre Africa continentale, compatibilmente con le situazioni locali, sarà da vedere li' per li' cos'è possibile e cosa è ragionevole. Climaticamente massimo massimo attraversare a marzo;
- Traversata verso Salvador.
Arrivati in Brasile, il cronometro comincia a muoversi: la barca puo' restare due anni ma le persone solo massimo sei mesi di tempo (tre rinnovabili una volta), dopodiché devono uscire e non tornare prima di altri sei mesi. A parte lo sposarsi con un/una brasiliano/a, praticamente il solo modo per restare di più è il visto permanente da investitore, è fattibile ma sensato solo se uno vuole proprio rimanere a lungo, il che per ora è un bel punto interrogativo, fa parte dei dubbi con i quali partiamo e che speriamo di dissipare man mano che si va avanti.

Senza visto permanente, tante opzioni: tornare pro tempore in Europa; scendere giù e invernare in Argentina / Uruguay comunque dove faccia meno freddo possibile, dovrebbe essere l'estate australe quindi forse fattibile, in più Bora potrebbe andare in una scuola non galleggiante; portare la barca a Trinidad, pero' si sarebbe ancora in stagione ciclonica per qualche mese, e poi voglia di andare ai Caraibi molto poca. Altra eventualità il rientro definitivo di tutti in Europa, a quel punto prima torna una parte della famiglia in un gran 747 poi quando è possibile io riporto la barca sù. 


Quando si dice poche idee ma ben confuse.

30 dic 2009

Vaccinazioni

Vien male solo a pensare al numero di iniezioni da farsi, o pasticche da prendere...

febbre gialla, meningite, epatite A, epatite C, tifoide, tetano, all'istituto Pasteur hanno una specie di guida gigantesca delle punture necessarie

aggiungi lariam o terapie antimalariche varie

Faremo una listina più precisa quando avremo visto il medico tropicalista. I tropici cominciano dal medico, awh mio diiiio.

28 dic 2009

Auguri

Tanti auguri di fine anno e un eccellente 2010 a tutti quanti.





Scuse per gli aggiornamenti molto sporadici, ce ne saranno di più man mano che ci si avvicina ad aprile maggio.

1 dic 2009

Sempre i ponti

Dicono sia ("E'", vedi commento sotto) la più grande nave da crociera del mondo, l'Oasis of the seas.
Costruito in Finlandia, è alto 72m sull'acqua, per uscire dal Baltico doveva passare sotto un ponte di 65m di altezza, per questo gli hanno messo un fumaiolo telescopico che riduce l'altezza a 64.75m.
Il capitano è passato a bassa marea verso mezzanotte, velocità dixit di 20nodi, dal video sembra di meno, ma è lungo 360m e passa in una trentina di secondi quindi siamo li'; macchine avanti tutta (140000 cavalli) giusto prima del ponte per far affondare la nave temporaneamente di qualche decimetro supplementare, una sgassata insomma.
Manico ?


Qui c'è un video incredibile
http://www.vg.no/reise/artikkel.php?artid=584701

18 nov 2009

Naufragio


A parte la musica strappalacrime, fa comunque venire un nodo in gola.




10 nov 2009

Abeille Flandre

Un video dell'Abeille Flandre, un rimorchiatore di alto mare che era addetto al soccorso delle navi al largo della punta della Bretagna (ora è in Mediterraneo). E' lungo circa 64m, 12800cv di motori, 36000 miglia di autonomia.





Sulla costa Atlantica adesso c'è l'Abeille Bourbon, 80m e 21000 cavalli, un fuscellino






30 ott 2009

STIX, l'indice di marinità

Ho ritrovato questa cosetta che avevo scritto tanto tempo fa, magari a qualcuno interessa.

 
L'apprezzamento delle capacità marine di una barca è un tema ancora abbastanza controverso, il cui trattamento analitico è ancora allo stato embrionale.
Si parla spesso di stabilità: una barca stabile (checché ciò possa significare) è intuitivamente considerata più marina di una barca che non sia stabile per niente. Se una barca non è capace di restare o ritornare diritta, non serve a granché.
Per cercare di quantificare meglio l'idea di stabilità, e per prendere in considerazione anche altri elementi che contribuiscono al comportamento marino di una barca, si è sviluppato un indice chiamato STIX.
E' molto probabile che una volta introdotto tale indice sarà alla base dell'attribuzione di una categoria di navigazione a una data barca. Per il momento si è orientati verso tali valori limite: Categoria A--> 32; Cat. B -->23; Cat. C -->14; Cat D -->5

La formula dell'indice prende in considerazione più fattori che contribuiscono al comportamento marino di una barca, ecco un'idea della logica dietro ad ognuno di essi.
Il più importante è le lunghezza della barca. Uno stato del mare determinato sarà relativamente più piccolo per una barca più grande, gli effetti delle onde saranno più importanti su una barca più piccola. Inoltre, siccome la stabilità aumenta con potenza 4 della lunghezza, una barca più lunga sarà relativamente -molto- più stabile di una barca più corta (ecco fra l'altro perché le barche più lunghe sono relativamente più strette di quelle corte).

In seguito, vi è tutta una serie di fattori moltiplicativi, il cui valore varia fra 0.4 e 1.5. Sono tutti valori *abbastanza* adimensionali, che privilegiano un comportamento medio e penalizzano gli estremi.

Rapporto dislocamento/lunghezza: la regola considera che una barca eccessivamente leggera è più difficilmente controllabile, quindi meno marina, e che una barca eccessivamente pesante oppone molta resistenza agli elementi, quindi meno marina.

Rapporto dislocamento/larghezza: si considera che una grande larghezza associata a un dislocamento leggero aumenta il rischio di scuffia (vedi Rapporto Fastnet) e rende la barca più stabile una volta rovesciata; un fattore troppo piccolo (esempio una barca stretta e pesante) è ugualmente penalizzante perché si considera che la stabilità di forma sia insufficiente.

Raddrizzamento, due elementi.
Un primo fattore misura la capacità della barca a raddrizzarsi da una posizione di inversione a 180 gradi.
Un secondo fattore misura la capacità della barca a raddrizzarsi da una posizione di scuffia a 90 gradi con le vele piene d'acqua.

Stabilità dinamica: tale fattore dipende dall'energia necessaria al vento e alle onde per far sbandare la barca fino all'angolo di stabilità nulla (matematicamente, l'integrale della parte positiva della curva di stabilità); la presenza di aperture nello scafo/coperta che permettano l'ingresso di acqua all'interno è ugualmente considerata come penalizzante.

Il rischio di inondazione è considerato da un altro fattore che misura la possibilità che l'acqua entri nella barca a causa di un'azione del vento tale da sbandare la barca di 90 gradi.

E' interessante notare come tutti i fattori entrino in un calcolo "medio", nel senso che l'importanza di un singolo fattore è ridotta a vantaggio di un apprezzamento medio, generale delle caratteristiche della barca.
Alla maggior parte dei fattori moltiplicativi vengono applicati dei limiti massimi e minimi, fra 0.4 e 1.5 per la maggior parte di essi: se per esempio il calcolo di un fattore desse un valore di 1.8, sarebbe soltanto 1.5 a essere preso nel calcolo finale, in modo da scoraggiare gli estremi.
Naturalmente è il Comitato redattore della formula dello Stix che ha dato il suo apprezzamento sull'importanza relativa dei vari fattori.
Al risultato finale della moltiplicazione, si aggiunge 5 (cifra uguale per qualsiasi barca) se la barca completamente riempita d'acqua presenta ancora una riserva di galleggiamento e una stabilità positiva a 90 gradi. Il premio all'inaffondabilità...



28 ott 2009

Timbri, nord e sud

Sul forum YBW c'è stato un filo di discussione fra i più esilaranti degli ultimi tempi, almeno per me.
Scontro frontale tra civiltà diverse, fra nord e sud, fra anglosassoni e latini, il timbro rappresenta tutto.

Noi (Italia Francia una faccia una razza, anche se in origine erano greci) viviamo nell'ufficialità formale, nel valore della carta (alla carta da bollo penso non ci siano arrivati neanche i francesi), del documento, del certificato, della fotocopia giurata.
Gli altri nella dichiarazione individuale fatta li' per li', nell'abitudine a una presenza della burocrazia 1000 volte inferiore rispetto a noi.

Quindi quando un inglese vuole venire in contatto con la differenza del "sud" ogni tanto cerca di premunirsi.
Tipo farsi un timbro con nome e caratteristiche della barca, da apporre nei vari uffici dei porti stranieri.

Traduco con qualche libertà alcune delle frasi lette.

"Assolutamente, un timbro con i dati della barca fa meraviglie. Ne ho fatto uno con gli stesis riquadri e la stessa dimensione di quelli dell'Immigrazione, gli ho addirittura messo un inchiostro rosso e ha un effetto strepitoso"

"Incredibile come una cosa semplice come un timbro possa semplificare le cose in cosi' tanti posti. Suggerirei un timbro datario magari ovale con il nome della barca sopra e il numero di immatricolazione sotto. Per renderlo completamente ufficiale basta timbrare il foglio e poi firmare di traverso sopra all'impronta del timbro. Ricordo una volta in Polonia per pagare il conto in un hotel prima della caduta dell'impero del male, i vari adetti alla reception hanno fatto ognuno un uso giudizioso dei timbri a loro disposizione, l'ultimo ha infilato le mani in un cassetto tirando fuori tutta la riserva di timbri disponibili, sparpagliandoli sul bancone prima di procedere alla scelta oculata dei timbri necessari al mio caso. In ogni caso ha funzionato perché nessuno mi ha fatto problemi quando ho dovuto ri-cambiare la divisa locale in sterline"

"I timbri possono anche essere usati come ex-libris per i libri di bordo. Un'allusione discreta a chi il libro debba essere restituito"

"Bell'idea quella dei timbri, per ristablire un po' l'equilibrio di poteri fra navigatori e autorità locali. Meglio non pensare pero' alla successiva barca che si presenterà al controllo: Dov'è il vostro Timbro Ufficiale?
Che timbro?
Arresto immediato."

"Quando vivevo in Germania -che dev'essere il regno dei timbri- ho scoperto che i timbri rotondi battono regolarmente i timbri rettangolari. Quando uno voleva farsi un timbro doveva produrre evidenza documentaria della legittimità della richiesta, in particolare per un timbro rotondo. Particolarmente attraenti sono quei gran timbri che stampano una specie di modulo gigante nel centro della pagina, che deve essere poi riempito da timbri di dimensioni più piccole"

L'originale è qui
http://www.ybw.com/forums/showthread.php?t=217998


Esperienza personale, il nostro amico inglese Huw, in previsione del matrimonio con l'italianissima Rossella, ha dovuto produrre il certificato di battesimo e cresima. Andato nella parrocchia dove era nato, l'ha chiesto al parroco: il parroco ha tirato giù un gran librone dell'anno 1967 e ha ritrovato il tutto.

Basta una fotocopia?

Eh seh...

Allora che devo fare?

Ha ricopiato tutto a mano, ci ha messo un po' di firme sotto a destra e sinistra, ha colato un po' di ceralacca e ci ha appoggiato l'anello con lo stemma del Club locale.

Oplà.

27 ott 2009

Rande a trapezio

Una volta avevo fatto due conti grezzi grezzi sulle rande a forma trapezoidale, "square top" come bisognerebbe dire?

Ho preso due vele della stessa superficie, una triangolare pura (P=20m, E=5m), una invece con P=20m, E= 3.5m e "corno"=1.5m; probabilmente esagerato ma giusto per evidenziare meglio gli effetti.
Le ho divise in tre fette orizzontali (tagliando parallelamente al boma ogni P/terzi), poi calcolate le superfici delle tre fette.
Facendo l'ipotesi di un vento standard a 10m di altezza = 10m/s (tanto per fare cifra tonda), derivate poi le velocità del vento a 5m e 15m in due casi:
Aria stabile (maggiore gradiente di velocità verticale)
Aria instabile (gradiente inferiore).
Calcolate le forze propulsive delle tre fette di ogni vela, poi addizionate.
Forze totali

Vela triangolare
Aria stabile -> 3890
Aria instabile -> 4496

Vela corno
Aria stabile -> 4406
Aria instabile -> 4738

Costatazioni - le due vele hanno la stessa superficie
1.La vela a corno spinge sempre di più; in particolare in aria stabile stravince fornendo il 13% di forza propulsiva in più, che è molto.
In aria instabile la differenza si riduce (4738/4496=5.3%), dato che ho considerato una vela triangolare grezza, una full batten ben allunata forse riesce a ridurre di qualcosa la differenza rispetto alla fat head, che comunque rimane più performante.

2. La fat head (fra un po' finisco i nomi e non so più come chiamarla) risente relativamente di meno della differenza fra un gradiente verticale di velocità del vento pronunciato oppure no: 4738/4406=7.5%

Se si guarda invece la differenza fra la forma teorica che minimizza la resistenza indotta e forma triangolare o trapezoidale:
1.con una vela triangolare si ha un incremento della *resistenza* di circa il 4%
2.con un corno lungo circa un terzo del boma (taper ratio circa 0.35) si ha un incremento della resistenza dell'1% circa.
Una vela triangolare ha quindi circa il 3% in più di resistenza rispetto a una full head.
Il buffo è che avere una vela triangolare oppure una vela perfettamente rettangolare (corno=boma) conduce essenzialmente allo stesso incremento di resistenza.

Dato che l'ordine di grandezza della forza totale (usata sopra) è comunque superiore a quello della resistenza, penso si possa dire che la maggior portanza determinata da una vela full head dipenda relativamente molto di più dal gradiente verticale di velocità del vento rispetto alla forma maggiormente simil-ellittica (che essenzialmente causa una riduzione nella resistenza più che un aumento nella forza prodotta).

20 ott 2009

Le "barche che navigano"

Si legge sui giornali o si sente spesso parlare di "barche che navigano", di differenze fra "barche vere" e altre. Forse finte.

Siccome il tema mi interessava, questa estate ho fatto una bella rilevazione statistica.
Il fatto di navigare pianin pianino ci ha fatto incontrare tutta la gente che in media aveva più fretta di noi, praticamente tutti ah ah ah, e quindi abbiamo preso nota delle barche che abbiamo visto.
La Galizia e il Portogallo sono zone di passaggio, a parte le barche spagnole e portoghesi che rimangono essenzialmente in zona, il resto è tutta gente che o da nord va a sud o viceversa.
I due grandi flussi sono le barche di Paesi del nord (UK, Germania, Svezia, Olanda, Francia, Norvegia, ecc) che sono in transito per la traversata dell'atlantico, il giro del mondo o il mediterraneo, o le stesse che stanno rientrando verso i porti di origine dopo aver fatto i loro giri (atlantico, girotondo o mediterraneo).
Ci si aggiungono poi le barche tipo australiane o neozelandesi che vengono a fare visita ai loro antenati nordeuropei.

Di barche di questo tipo ne ho contate circa 350.

Materiali ? Barche di plastica: 320
Barche di metallo: 30
Cantieri: Beneteau, Moody, Dufour, Bavaria, Jeanneau, Westerly, ecc. : 250/260 barche, mi scusino i puristi ma non avevo più fogli per segmentare ulteriormente.
Cantieri scandinavi: una dozzina, Hallberg Rassy 4, Najad 4 (uno gigantesco tutto nero, bandiera norvegese occupava il posto di due barche), Sweden 3, Malo 2.
Rustler 3.
Il resto delle barche di plastica non le ho sapute riconoscere, probabilmente di cantieri locali poco distribuiti in Europa; diverse barche con pilot house belle alte, toh un Island Packet con bandiera inglese.
Ah, un Bavaria 50 (o giù di li') norvegese che partiva per il secondo giro del mondo, una coppia a bordo di un Beneteau di 14-15 metri australiano, non li chiamano first o oceanis ma beneteau.

Una di queste venuta dalla nuova zelanda http://www.maxingout.com/duetto_true_mariner.htm

Ovni alubat: 4, fra cui i nostri grandi amici Philip e Norma dall'Irlanda del Nord.
Barche di alluminio di cantiere (Garcia, Via, +Cigale e compagnia): 10
Le altre 15 barche di metallo perlopiù autocostruzioni. Spesso visibilmente autocostruzioni.

Non ho contato i catamarani perché non mi incuriosiscono più di tanto, ma a occhio direi un 20, 25, in genere grossi.


Devo dire che sono proporzioni che non mi stupiscono più di tanto, anche in Bretagna eravamo li' come ripartizione, parecchie derive mobili o barche di metallo in più ma sembra essere una specificità francese. Per il resto i cantieri a grande produzione fanno comunque la parte del leone.

Numeri. C'è di tutto in questi numeri. Ma devono essere falsi perché uno puo' girare il mondo solo dentro a un tank oppure in una barca LouisXVI.


Sia quel che sia, in queste cifre ci sono soprattutto tante persone, tutte ugualmente contente delle barche sulle quali navigano da mesi, di qualunque tipo esse siano.


Tout le reste est littérature ah ah ah

14 ott 2009

Le luci dei salvagenti

Un paio di giorni fa un Cessna XXX con 6 persone a bordo è caduto in mare non lontano dalla Corsica, si era spento il motore.

Il pilota vicecomandante di AF manda il mayday, poco prima del botto fa fare cose che a un novizio apparirebbero insensate: togliere la cintura di sicurezza, aprire le porte.
Invece cascati in mare, sono tutti riusciti a uscire in due secondi dall'aereo, che si è inabissato in meno di un minuto (testuale). Se fossero stati legati o se si fossero incastrate le lamiere delle porte sarebbero tutti sul fondo.
Mare molto mosso (stima onde 4m), i soccorsi non riescono a localizzarli. All'imbrunire i sei (hanno poi raccontato) hanno cominciato a pensare di dover fare la notte fuori a mollo perché pensavano che le ricerche sarebbero state sospese durante la notte.


E invece no, le ricerche hanno continuato, e appena buio alle 2030 circa sono stati localizzati e subito recuperati.
I piloti dell'elicottero e dell'aereo da ricerca hanno detto "è stato grazie alle luci dei giubbotti salvagente", anche se viste cosi' sembrano ridicolmente fioche, la quantità di luce/calore che emettono è sufficiente per renderli molto ben visibili nei visori notturni che hanno a disposizione, in particolare quando c'è mare brutto.
Al tempo stesso, "se si hanno dei fumogeni, non esitare ad utilizzarli anche di notte perché il calore che emettono li rende molto ben appariscenti nei visori"

Sorprendente, no?


2 ott 2009

Curry thai

Ricettina per cambiare un po' le abitudini alimentari che abbiamo fatto diverse volte, la base è sempre la stessa e la si puo' adattare a pesce, pollo, carne eccetera con altrettanti tipi diversi di verdura. Ce ne sono decine di varianti diverse.


Insomma con quello che si ha a disposizione o si trova al mercato.




La ricetta originale è fatta ovviamente con ingredienti freschi, solo che sono difficilissimi da trovare al di fuori dei supermercati orientali che non è che abbondino nei porti. Pero' ci si possono trovare anche gli stessi ingredienti secchi/disidratati che si possono portare in barca e durano anni, il risultato chiaro è un po' meno esaltante pero' accettabile ed è comunque una variazione carina del menu.



Ingredienti per 2/3 persone



Qualche cucchiaio di olio di semi



Pasta di curry verde (quella rossa è un po' meno piccante, il gusto è leggermente diverso quindi da provare). E' venduta in sacchetti o barattoli che durano un sacco anche dopo aperti.

Ne serve al minimo minimo mezzo cucchiaino (se proprio non piace il piccante), ma si puo' arrivare a un cucchiaio da minestra se picciono i gusti forti e non si ha paura di infiammarsi la bocca.



Citronella secca (in polvere o in scaglie), un cucchiaino raso da caffé se in polvere, un cucchiaio bello colmo se in scaglie.

Il succo di mezzo limone (meglio se di quelli verdi).

Foglie secche di kaffir lime/combava, il nome scientifico è Citrus hystrix, dice wikipedia, sono molto carine e hanno questa forma strana sembrano doppie. Ce ne vuole una buona decina, metà delle quali devono essere messe in acqua per farle ammorbidire. Sono assolutamente necessarie, si trovano nei negozi orientali in sacchettini.

Qualche peperoncino rosso (fresco, sott'aceto o secco a seconda di cosa si ha sotto mano).

Nuoc mam, la salsina fatta strizzando le acciughe lasciate seccare al sole.
Scatola da mezzo litro di latte di cocco.

Poi ci vuole una base di carne/pesce/pollo: tipo due petti di pollo, un pesce bianco sfilettato, del vitello, ecc. Insomma qualsiasi cosa si abbia sotto le mani. Tagliarlo a cubetti di qualche centimetro.

Infine una verdura di accompagnamento che si possa cuocere: fagiolini verdi, asparagi, melanzane... insomma ancora una volta quello che si trova al mercato. Anche questa tutta tagliata a pezzetti di due tre centimetri.

Si scalda l'olio nel wok o in una padella, si aggiunge la pasta di curry e la si stempera per uno due minuti al massimo.

Si aggiunge il latte di cocco, la metà delle foglie di kaffir lime -quelle secche-, la citronella e il succo di limone.

Portare a ebollizione a fuoco medio.

Aggiungere i pezzetti di verdura e di pollo (o quello che è carne pesce ecc.), rimescolando.

Dopo un paio di minuti aggiungere l'altra metà delle foglie di kaffir lime (quelle a mollo) dopo averle sminuzzate il più finemente possibile. Volendo proprio essere perfezionisti si puo' rimuovere la nervatura centrale delle foglie prima di sminuzzarle.

Cuocere per cinque dieci minuti (è tutto molto rapido), aggiungere un paio di cucchiai di nuoc mam (è il sostituto del sale, quindi assaggiare un po' di latte di cocco per decidere quanto ce ne vuole).

Servire in delle ciotole, aggiungendo il peperoncino rosso.

1 ott 2009

Percebes

Sono dei frutti di mare parecchio bruttini sembrano delle unghie di drago, delicatezza tipica della Galizia, li "pescano" tutti a mano grattando e smartellando gli scogli a bassa marea.





30 set 2009

Ah, gli amici

Pascal e Antonio filmano di sorpresa la caverna del troglodita






29 set 2009

Bolina

Quando eravamo in quattro, cercando di passare Finisterre






25 set 2009

Carte elettroniche





24 set 2009

Alvor

Ho trovato un videino di Alvor, la laguna alla fine del messaggio precedente


Qui è a bassa marea







22 set 2009

Percorso fatto

Dunque guardando la carta, circa 350miglia da Lorient a A Coruña, fatte dalla banda dei quattro Antonio François Pascal e io.

Mi sorprende ancora come quattro persone che si conoscevano appena siano potute andare cosi' d'accordo e trovarsi cosi' bene assieme; fa venire in mente cosa succede ogni tanto con i forum internet, solo che per ora non abbiamo litigato.

Qualche giretto li' attorno, un tentativo andato male di passare il Capo Finisterre di bolina sottocosta. Sto facendo un tentativo di esamino più tecnico del perché, penso si possa spiegare come conflitto fra navigazione per "migliore VMG" e navigazione per "migliore feeling", pero' vorrei vederlo nei numeri.




Poi da solo Coruña - Camariñas e Camariñas - Portosin.


A Portosin arrivata Daphné con le bambine. Metto la cartina senza tracciati perché sarebbe un groviglio indescrivibile. Siamo passati in tutti i nomi scritti sulla carta in riva al mare più parecchi altri, più una ventina di ancoraggi fra pranzi e notti.


Siamo arrivati a Baiona (l'ultima cittadina a sud, dove era riapprodata la Pinta portando l'annuncio della scoperta del Nuovo Mondo), Daphné e Tea hanno preso l'aereo da Santiago di Compostella, io e Bora abbiamo continuato un po', entrando in Portogallo con tanto di ammaina- e alzabandiera di cortesia.


Poi ho riportato la borina a casa e ho continuato da solo.

Non sto a segnare i porti comunque mi sono fermato in tutti i porti portoghesi, fino a Lisbona pochi ancoraggi perché è praticamente impossibile, la costa è rettilinea e i porti sono essenzialmente foci di fiumi. Giusto un paio di volte dietro a una diga per aspettare che il vento calasse prima di lanciarmi in manovre d'ormeggio troppo avventurose.

L'entrata a Lisbona un momento emozionante.
Poi Lisbona-Sines, e Sines-Lagos (il primo porto dietro lo spigolo).
Dovrei dire "Lagos-on-sea", tutti inglesi, *tutti*, mai visto un posto con una presenza straniera (pacifica) cosi' predominante.
A parte la trimurti Lagos-Vilamoura-Portimão (tre marina dove sembra di essere ormeggiati in mezzo a un centro commerciale), finalmente di nuovo tanti ancoraggi in tutte le lagune che ci sono, Alvor, Olhão, Faro, ecc.

Alvor è un posto carino: c'è un ingresso che è dragato a 4m (in basso a sinistra) pero' dopo non dragano più, nel rettangolo rosso in alto a destra c'è una piscina con abbastanza acqua anche a bassa marea, tutt'attorno il fondo emerge a bassa marea.

Si entra con a marea salente tanto per star sicuri (se si tocca basta aspettare e ci si disincaglia), solo che c'è molto poco fondo e tocca andare avanti piano piano, cercandosi il cammino.
Si arriva nella zona della piscina, si fa qualche girotondo per vedere un po' la natura del fondo e si ancora, posto veramente bello, anche se non si è proprio soli.

Poi di nuovo la frontiera, il rio Guadiana (un po' di foto e video nei messaggi precedenti), altro momento emozionante.

Tornati in Spagna si ricomincia con la storia della siesta, fra le due e le cinque di pomeriggio tutto si ferma. Arrivato fino alla baia di Cadice, poi tornato su di qualche miglio accanto a Sanlucar de Barrameda per lasciare il Branca in secco.


21 set 2009

A casa

Il Branca è arrivato alla fine del giro / prova generale di quest'anno: l'ho tirato su a Chipiona, sull'estuario del Guadalquivir.
Ho messo due ore prima di riuscire a lasciarlo per andare all'aeroporto, e mentre camminavo non mi sono potuto girare indietro, nodo in gola troppo grosso. Quattro mesi sopra.

Tornato a casa, ora comincia tutta l'organizzazione per la (meno temporanea) partenza dell'anno prossimo. All'ingrosso verso aprile tornero' li' per rimetterlo in acqua, poi lo porto a Siviglia che è sessanta miglia a monte del fiume, Daphne e le bambine dovrebbero arrivare a fine aprile inizio maggio, qualche giorno li' per riambientarle alla vita nel duplex galleggiante di tre metri quadri, poi si va.


Nei giorni prossimi qualche considerazione sul giro di questa estate.



15 set 2009

Scherzi del radar

Per esempio, un radar che mostra delle eco cosi'

nel senso la gran parte sono stabili e ben definite, su un orizzonte di scannerizzazione di solo qualche miglia, ci si chiede se si è entrati in un campo minato


Usciti fuori e guardando attorno, magari si trova questo

le immagini rendono male l'idea, ce n'erano dappertutto, una per ogni eco radar, basta pensare a una foresta di boe di pescatori, dappertutto.

Il problema è che spesso lo stesso tipo di eco viene generato dalla barchette dei pescatori, quindi filtrarle (cioè ridurre il guadagno) non migliora nulla dal pdv sicurezza.





14 set 2009

Passi nella storia

Lungo la costa SW spagnola Sembra di passeggiare in un libro di storia:
Palos (de la frontera), nessun commento;
Sanlucar de Barrameda, da dove Magellano e Juan Sebastian Elcano sono partiti (dopo la benedizione a Siviglia) e dove i 18 superstiti sono tornati dopo tre (?) anni;
Rota, dove ci sono lapidi su quanti marinai di Rota fossero partiti con Colombo;
Capo Trafalgar, dove forse si è deciso se in Europa nei due trecento anni successivi si dovesse parlare francese o inglese, Nelson che dice "L'Inghilterra si attende che ogni uomo faccia il proprio dovere", poi mette il segnale con le bandiere "Ingaggiatevi con il nemico più da vicino".

Da brividi.




9 set 2009

Le bateau ivre

La traccia rossa di un bateau ivre, e viva i cartografici





Comme je descendais des Fleuves impassibles,
Je ne me sentis plus guidé par les haleurs :
Des Peaux-rouges criards les avaient pris pour cibles,
Les ayant cloués nus aux poteaux de couleurs.
J'étais insoucieux de tous les équipages,
Porteur de blés flamands ou de cotons anglais.
Quand avec mes haleurs ont fini ces tapages,
Les Fleuves m'ont laissé descendre où je voulais.
Dans les clapotements furieux des marées,
Moi, l'autre hiver, plus sourd que les cerveaux d'enfants,
Je courus ! Et les Péninsules démarrées
N'ont pas subi tohu-bohus plus triomphants.
La tempête a béni mes éveils maritimes.
Plus léger qu'un bouchon j'ai dansé sur les flots
Qu'on appelle rouleurs éternels de victimes,
Dix nuits, sans regretter l'œil niais des falots !
Plus douce qu'aux enfants la chair des pommes sures,
L'eau verte pénétra ma coque de sapin
Et des taches de vins bleus et des vomissures
Me lava, dispersant gouvernail et grappin.
Et dès lors, je me suis baigné dans le Poème
De la Mer, infusé d'astres, et lactescent,
Dévorant les azurs verts ; où, flottaison blême
Et ravie, un noyé pensif parfois descend ;
Où, teignant tout à coup les bleuités, délires
Et rythmes lents sous les rutilements du jour,
Plus fortes que l'alcool, plus vastes que nos lyres,
Fermentent les rousseurs amères de l'amour !
Je sais les cieux crevant en éclairs, et les trombes
Et les ressacs et les courants : je sais le soir,
L'Aube exaltée ainsi qu'un peuple de colombes,
Et j'ai vu quelquefois ce que l'homme a cru voir !
J'ai vu le soleil bas, taché d'horreurs mystiques,
Illuminant de longs figements violets,
Pareils à des acteurs de drames très antiques
Les flots roulant au loin leurs frissons de volets !
J'ai rêvé la nuit verte aux neiges éblouies,
Baiser montant aux yeux des mers avec lenteurs,
La circulation des sèves inouïes,
Et l'éveil jaune et bleu des phosphores chanteurs !
J'ai suivi, des mois pleins, pareille aux vacheries
Hystériques, la houle à l'assaut des récifs,
Sans songer que les pieds lumineux des Maries
Pussent forcer le mufle aux Océans poussifs !
J'ai heurté, savez-vous, d'incroyables Florides
Mêlant aux fleurs des yeux de panthères à peaux
D'hommes ! Des arcs-en-ciel tendus comme des brides
Sous l'horizon des mers, à de glauques troupeaux !
J'ai vu fermenter les marais énormes, nasses
Où pourrit dans les joncs tout un Léviathan !
Des écroulements d'eaux au milieu des bonaces,
Et des lointains vers les gouffres cataractant !
Glaciers, soleils d'argent, flots nacreux, cieux de braises !
Échouages hideux au fond des golfes bruns
Où les serpents géants dévorés des punaises
Choient, des arbres tordus, avec de noirs parfums !
J'aurais voulu montrer aux enfants ces dorades
Du flot bleu, ces poissons d'or, ces poissons chantants.−
Des écumes de fleurs ont bercé mes dérades
Et d'ineffables vents m'ont ailé par instants.
Parfois, martyr lassé des pôles et des zones,
La mer dont le sanglot faisait mon roulis doux
Montait vers moi ses fleurs d'ombre aux ventouses jaunes
Et je restais, ainsi qu'une femme à genoux...
Presque île, ballottant sur mes bords les querelles
Et les fientes d'oiseaux clabaudeurs aux yeux blonds.
Et je voguais, lorsqu'à travers mes liens frêles
Des noyés descendaient dormir, à reculons !
Or moi, bateau perdu sous les cheveux des anses,
Jeté par l'ouragan dans l'éther sans oiseau,
Moi dont les Monitors et les voiliers des Hanses
N'auraient pas repêché la carcasse ivre d'eau ;
Libre, fumant, monté de brumes violettes,
Moi qui trouais le ciel rougeoyant comme un mur
Qui porte, confiture exquise aux bons poètes,
Des lichens de soleil et des morves d'azur ;
Qui courais, taché de lunules électriques,
Planche folle, escorté des hippocampes noirs,
Quand les juillets faisaient crouler à coups de triques
Les cieux ultramarins aux ardents entonnoirs ;
Moi qui tremblais, sentant geindre à cinquante lieues
Le rut des Béhémots et les Maelstroms épais,
Fileur éternel des immobilités bleues,
Je regrette l'Europe aux anciens parapets !
J'ai vu des archipels sidéraux ! et des îles
Dont les cieux délirants sont ouverts au vogueur :
− Est-ce en ces nuits sans fonds que tu dors et t'exiles,
Million d'oiseaux d'or, ô future Vigueur ?
Mais, vrai, j'ai trop pleuré ! Les Aubes sont navrantes.
Toute lune est atroce et tout soleil amer :
L'âcre amour m'a gonflé de torpeurs enivrantes.
O que ma quille éclate ! O que j'aille à la mer !
Si je désire une eau d'Europe, c'est la flache
Noire et froide où vers le crépuscule embaumé
Un enfant accroupi plein de tristesse, lâche
Un bateau frêle comme un papillon de mai.
Je ne puis plus, baigné de vos langueurs, ô lames,
Enlever leur sillage aux porteurs de cotons,
Ni traverser l'orgueil des drapeaux et des flammes,
Ni nager sous les yeux horribles des pontons.
Da trent'anni, sempre lo stesso brivido.

8 set 2009

Rio Guadiana

Il fiume segna la frontiera meridionale fra Spagna e Portogallo, risalendolo bisognerebbe mettere la bandiera portoghese a sinistra e quella spagnola a destra. Qualcuno lo fa.


Sulla foce ci sono due paesini, Vila Real dal lato Portogallo e di fronte Ayamonte, in Spagna.

Risalendo il fiume si deve passare sotto un ponte che ha una quota di 20m, il Branca arriva a 18m punta del vhf quindi passa, fra l'altro si comincia a risalire a bassa marea cosi' si ha un paio di nodi di corrente favorevole. Vento proprio di fronte, quindi tutto a motore.





All'inizio il paesaggio è un po' cosi'





Non c'è una carta nautica del fiume, ho chiesto a un pilota e ha detto "basta stare nel mezzo". Ogni tanto pero' il canale non è evidente, la parte centrale è ben insabbiata lo scandaglio va 7 - 6 - 5.5 -*2.5*... vrooom marcia indietro e allora bisogna andare a cercare di raschiare una riva, dove si trovano diversi metri in più.





Dopo una ventina di miglia si arriva dove ci sono altri due villaggi prospicienti, Alcoutim e Sanlucar. Il fiume è pieno di barche all'ancora, alcune sono qui da chissà quanti anni. Le bandiere quasi tutte diverse: Austria, Svizzera, Germania, USA, UK, Olanda, Francia, Danimarca, Norvegia... bella Babele.

Trovo miracolosamente posto nel pontile, meglio cosi' chi aveva voglia di ritirar fuori il gommone. PS visto che ho rinfrescato il tessuto arancione fluo delle coperture laterali del pozzetto ? il vecchio era diventato tutto rosino, e con il pirulicchio multicolore attaccato al paterazzo faceva proprio barca da gay pride



Alcoutim

Questo è Sanlucar, il paesino di fronte, spagnolo.
Per fortuna c'è un po' di venticello perché ci sono 33-35°C tutti i giorni.
Photobucket





Faccio un po' di conti, il Guadalquivir, il prossimo fiume, è circa a sessanta miglia da Vila Real, con il porto di Mazagon a metà strada, quindi diciamo due giorni per arrivare alla foce. Dalla foce del Guadalquivir, per risalirlo e arrivare con una marea sola fino a Siviglia ci vuole una marea, quindi è fattibile con una bassa marea la mattina --> si va al 15-16-17 settembre o giù di li', non prima. Bello perché cosi' posso restare un po' fermo nel Guadiana.

E tirar fuori i vecchi sogni demoniaci, progetti folli, tipo cambiare di barca:
Nuova barca

metterci un grammofono e fare su e giù per il fiume sentendo Madama Butterfly. O un po' di house music.





Agrandir le plan

6 set 2009

Notturno a São Vicente

A sud di Sines (questa è Sines),
la costa è rettilinea che più rettilinea non si puo' per una sessantina di miglia. Dopo queste sessanta miglia c'è lo spigolo SW del Portogallo, con 'sto Cabo Sao Vicente (e una decina di miglia dopo Cabo Sagres) la cui reputazione è al pari di Cabo Finisterre o Cabo da Roca, un po' un
animalaccio.
Il primo porto dopo il capo è Lagos, circa venti miglia a est. Oddio ci sarebbero un paio di ancoraggi ma con mare lungo da nord l'onda comunque gira attorno e la barca all'ancora si mette a rollare di venti gradi, sai che bel riposino. Porto-porto ottanta miglia insomma.
Dal punto di vista meteo sono in regime sinottico da nord (come del resto da un sacco di settimane), il che significa 10-15 nodi di vento da nord quasi costanti, ai quali se ne aggiungono un'altra decina durante il pomeriggio per effetti termici.
Poi i capi ci aggiungono il loro zampino.
Insomma fai e rifai i conti, per quanto presto possa partire di mattina il passaggio del capo sarebbe sempre più o meno nel pomeriggio. Hmmmm, no no no no.

Non è che ci sia tanto da pensare la soluzione è ovvia, partire fra le 2200 e mezzanotte e passare São Vicente all'alba.
Che bello la mia prima notte in solitario, si ho fatto un paio di notti estive con il bisso davanti alla costa ma quelle non contano.
Gulp. Bello un tubo. Notte in solitario con alla fine la ciliegina del Capo; ah ah ah.

Il pomeriggio cerco di dormire un po' ma figuriamoci.
Mi è venuto in mente il metodo Nicola di farsi il giro a piedi di tutte le banchine, faccio il giro a piedi di tutte le banchine.
I suoi amici dicono anche che rimugina suoni e parole incomprensibili allora ho rimuginato suoni e parole incomprensibili anch'io.
Chi è Nicola ? Il suo sito è questo
http://www.duchessaextra.it/
Ministi, gente che ha una rotella in meno in testa e un attributo in più fra le gambe, per le ministe non saprei come dire.
Oh devo dire che il metodo Nicola un po' funziona, il tempo passa, ci si avvicina un po' alla volta alle dieci di sera.
Ultimo bollettino: "N 5 a 6. Onda lunga da W 3-3.5m". Oh che novità, sembra che i bollettini li facciano con il ciclostile, ce ne fosse uno con una sola lettera diversa.
Vento da nord e onda lunga da ovest butta male per la comodità, significa la barca che rolla all'impazzata.
Preparo tutto quanto, accendo il motore per uscire. Dalla barca portoghese a fianco esce tutta la famiglia per fare ciao ciao, ieri sera mi hanno invitato a cena (puro baccalà) e siamo stati proprio bene.
Il padre è molto incoraggiante: "Roberto allora vai?".
Eh, vado. Esco, qualche girotondo nel porto per togliere parabordi e cimame vario, poi vado verso fuori. Oltre a essere un bel porticciolo da diporto, Sines è uno dei grossi porti commerciali portoghesi, metto il naso fuori e bummm navona che entra.
Rosso su rosso, ok. Un accidente, di colpo spegne il rosso e accende tutte le
altre luci di bordo. Ah, si è ancorata.

Poi qualche ora tutta in discesa, qualche incrocio ma con navi lontane.
Rollio, tanto rollio.
Ficco un asciugamano in mezzo alle pentole almeno fanno meno rumore.
Metto l'allarme sul radar e sto un po' con gli occhi chiusi e la sveglietta accanto.
Bipbidibipbipbip. Falsa eco.
Bipbidibipbipbip. Falsa eco.
Bipbidibipbipbip. Falsa eco.
Bipbidibipbipbip. Vera eco.
Pescatore che arriva dal solito angolo impossibile, con una rotta spiraliforme.
Conversazione surreale alla radio:"Barca da pesca qui barca a vela, dovreste vedere il mio verde per circa 90°, sono circa a mezzo miglio"
"Barca a vela da barca da pesca, si a 90° vedo il vostro rosso"
Attorno non c'è nessun altro, uso la radio su 1W, di chi cavolo è il rosso.
"Che rotta fate?"
"Non ti preoccupare vado via"
E gira e si allontana davvero.
A mezzo cammino c'è il faro di Capo Sardão che porta a 25miglia, praticamente lo si vede subito e accompagna per 50 miglia, quasi tutta la costa. Faccio due conti sulla strada da fare, rallento un po' per essere sicuro di passare il capo con la luce. Pensa te rallentare un camion.

Perché poi passare il capo con la luce, non sarebbe meglio non vedere nulla di quel che c'è attorno? Alcune delle notti toste passate sulla barca di papà, la mattina quando la luce mostrava il mare che c'era si pensava cavolo era meglio di notte almeno non si vedevano le onde.
La barca continua tranquilla come un tamburo di lavatrice, onda lunga del
cavolo, si comincia a vedere il faro di Sao Vicente, comincia a schiarire un
po'.

Il momento della verità. 15 nodi di vento, il capo comincia a farsi sentire: 16, 18, 20, 22, 24 sembra la tabellina del due. 25 è dispari, per fortuna pero' si ferma li'.

Il tempo di passare attorno ai due capi ed è giorno.

Il vento cala quasi del tutto, arriva dal traverso, che andatura è il traverso ?











Giochicchio un po' col timone a vento, poi cala tutto e metto il motore. Il Capo mi ha fatto passare senza danni.
Lagos è solo a qualche miglia, giusto il tempo di fare un po' di toilette personale.
Mi asciugo con le pentole e faccio il té con l'asciugamano, è andata bene cosi'.

5 set 2009

VID - Cabo Santa Maria

Un po' di pilotaggio, un'entrata in una bella laguna, senza zanzare.





PS Il videino notturno del messaggio sotto è stato fatto dall'ancoraggio, guardando verso il largo.




3 set 2009

VID - Quiz

Era un po' che non c'era un bel quiz: quanti fanali e con quali caratteristiche si vedono nel video ?

(comprare una nuova telecamerina, lo so lo so)







2 set 2009

Un giro fatto

Bon, arrivato al rio Guadiana, il confine fra Portogallo e Spagna, si puo' dire che il giro del Portogallo è stato fatto. Col caldo che fa me ne salgo in cima al fiume (dicono faccia fresco) e ic resto per qualche giorno.
Macché tanto poi mi prende il ballo di San Vito e scappo dopo neanche un giorno.
Da Lisbona a qui qualche bel momento, ogni tanto un po' d'adrenalina, sempre moglie e figlie che mancano.

A+

31 ago 2009

VID - Ponte di Lisbona






30 ago 2009

Riflettori radar




Visto su una barca americana. Tutto il resto della barca era più o meno sullo stesso stile.
Prue verticali o slanciate ?

29 ago 2009

Lisbona

Il Branca è arrivato a Lisbona; è già passata una settimana ma è più difficile trovare un accesso internet a Lisbona che in un qualsiasi villaggetto di pescatori del nord.


Senza dubbio uno dei momenti più emozionanti di questo giro, sotto al ponte veniva voglia di passarci e ripassarci avanti e indietro.






Poi sono entrato in un porto proprio a due passi dalla città, sotto al ponte. (Quando sono partito c'era talmente tanta polvere sopra alla barca che persino io me ne sono accorto)










La prima volta che ci sono venuto era quasi venti anni fa, ho voluto provare a riandare a mangiare da Martinho da Arcada uno dei due caffè di Pessoa ma è come se un antico romano andasse al colosseo per vedere i gladiatori e fosse sorpreso di trovarci le guide turistiche. Ingenuo.
L'Alfama, Madredeus con lei tutta blu nel fumo, l'odore delle sardine alla griglia quasi scomparso perché le nuove norme d'igiene bla bla bla bla.


Gran città, e gran popolo, i portoghesi. Non ricordo più chi l'abbia detto (oddio si') "con gli spagnoli alle spalle e l'oceano di fronte, il Portogallo non ha mai avuto scelta".



Bartolomeu Dias, Cabral, Magalhães, Vasco de Gama, con delle barcazze come queste (quella nera, non quella bianca) in giro per il mondo, per il loro mondo, i portoghesi sono sempre andati in posti un po' speciali. Macao, chi penserebbe mai di fermarsi a Macao. São Tomé, ci mettono le previsioni meteo tutti i giorni sui quotidiani son dovuto andare a guardare sulla carta dove fosse.




Se non fosse stato per Pigafetta magari nessuno avrebbe saputo di Magellano. Se non fosse stato per Colombo nessuno avrebbe saputo dell'America ah ah ah.


Se a qualcuno piacciono i racconti di viaggio ironici, rocamboleschi, date un'occhiata alle "Peregrinações" di Fernão Mendes Pinto, come leggere il resoconto autobiografico delle avventure di un avventuriero di non so quanti secoli fa, pirata, vestito da Sandokan, a cui gliene va bene una e male cento altre , tutto scritto con uno stile piacevolissimo.


La riabilitazione delle zone industriali abbandonate del porto tiene spesso in considerazione la storia delle stesse, facendo di tutto per lasciarle accessibili ai lavoratori, agli scaricatori, ai marinai..





Questo il ponte fotografato la mattina presto da Oeiras, un porticciolo proprio sulla foce del Tago, dall'altro lato della città.


23 ago 2009

Cabo da Roca

Il punto più a ovest dell'Europa (un po' più a ovest di Cabo FInisterre in Galizia), cos'è che tocca dire ? fin del mundo ?
Passato ieri, dieci minuti dopo il filmino facevo molto meno il galletto il vento è passato in qualche minuto da 25 a 35-37 nodi stabili con raffichine a 40, pero' come sempre il Branca ha preso gentilmente cura dell'equipaggio. Arrivato a Cascais, c'ero stato una volta via terra e proprio il genere Antibes-St Trop non fa per me, mi sa che vado via presto presto.







21 ago 2009

Finalmente un pesce! Anzi due




20 ago 2009

San Furuno

I porti si succedono uno dietro l'altro.
Uscito da Nazaré tutto pimpante con il sole, a metà strada un nebbione di quelli tosti, vedevo si' la prua della barca ma insomma mica tanto più in là.
La nebbia induce a "emozioni raccolte in tranquillità".
Vaff.. ai gabbiani che si posano tutti li' davanti e sembra di andare a sbattere contro un muro fin quando non volano via.
Vaff.. al cosiddetto "professionista" il guidatore della barca che porta la gente alle isole Berlenga, passato a quindici nodi a venti metri di distanza facendo pure un gran svoltone perché non mi aveva visto al radar. Penso non lo stesse usando perché il Branca ha un'eco radar simile a quella di una piccola navozza. Accidenti accidenti a lui. Accidenti gli venisse un colpo, magari prima di uscire dal porto. O che si guardi almeno una volta le regole.

Invece grazie ancora a papà per la trombetta in ottone, tiene comunque compagnia anche se a parte il nautofono di Peniche non ho sentito nessun altro segnale acustico.
E grazie a San Furuno, naturalmente, andiamo sempre più d'accordo lo capisco ogni volta di più.
PS A chi comincia a usare il radar, due calorosi consigli prendersi un libretto che spieghi come funziona/come usarlo, e fare pratica col bel tempo. Ah un terzo consiglio fare pratica con il bel tempo.

Poi mentre stavo ancorando nella baietta a lato dell'entrata di Peniche, porto peschereccio con un traffico da pazzi, da pazzi anche cercare di entrarci, hop la nebbia è scomparsa, gran sole, perfetto dopo la gran sudata fatta.

18 ago 2009

Il delfino di Sada

Siamo stati un paio di giorni in un marina a Sada, qualche miglia a est della Coruña, dove c'è un delfino residente, Gaspar, dicono che viene ogni estate e si diverte a dare il benvenuto e (ogni tanto) a rompere le scatole a tutte le barche

La povera barchetta voleva andare dritta, lui l'ha presa e ci si è divertito un po'..







17 ago 2009

Figueira da Foz

Arrivato a Figueira da Foz, 60 miglia da Leixões di cui 30 tutte con qualche centinaio di metri di visibilità, nebbione ma non di quello cattivo cattivo, gran scuola radar.

Davanti ad Aveiro c'è una zona di ancoraggio per navi, di colpo sono venute fuori cinque sei eco giganti, visto che non si muovevano ci sono passato in mezzo e oh sorpresa sorpresa il radar ha cominciato a mostrare una bella eco prima semicircolare, poi circolare, tutt'attorno, non si distingueva più nulla, proprio il genere di cosetta che diverte mentre uno passa in mezzo alle navi senza vederle; comunque, sembra che sia dovuto ai lobi laterali, ora ho in programma la lobotomizzazione del radar.




Haute couture

Durante una pausa per cattivo tempo, Pascal brillante stella parigina della chirurgia di punta ci fa un corso accelerato di ricucitura di salame. Pensate si era addirittura portato dietro apposta gli stessi strumenti che usa nella sala operatoria.

Il salame si è ripreso benissimo e non sono quasi rimaste tracce della ferita.

Neanche del salame a pensarci bene.





16 ago 2009

Timone a vento

Le prime prove col timone a vento (scuse per la parolaccia), uno stimolo intellettuale alla scoperta della meccanica dell'arnese ah ah ah


15 ago 2009

ENG - The ultimate weapon against lobster pots

Badly marked, half-submerged, often with dozens of metres of freely horizontally floating rope, fishing pots are (one of) the nightmares of the Portuguese coast.
Sailing mostly singlehanded and not fancying a forced swim in 15°C waters (well that's *very* cold for me), I devised this kind of thing to get rid as soon as possible of tangled lobster pots.
I used a 2m aluminum pole where I previously fitted a hook, the hook is still there but as certainty grows to be totally unable to catch a single fish I will probably remove it.
I bought two 30cm bread knives with plastic handles, cut away the two handles and fitted the blades as shown in the picture.
Fortunately the blades already had holes (which were hidden by the plastic handle), I tried to drill the steel but it was absolutely impossible (at least with a hand drill on a wooden pontoon): a few bolts, a couple of strips of stainless steel to reinforce the whole thing, a bit of duct tape to give more stiffness to the blade parallel to the pole, and here it is;





I tried it on a piece of rope about 25mm 1" thick and it sliced it in two almost without any need of twisting the tool, just grabbing it inside the two blades and pulling the pole a little bit.
The biggest problem seems to be where to stow it inside the boat...
One of those things you hope you'll never need.

Povoa de Varzim

Dopo un breve passaggio a Parigi per portare le due bambine in Italia, di ritorno a Povoa do Varzim.
Avrei voglia di stare sempre qui, è forse uno dei segni che si sta bene, il chiedersi "perché non restare qui"; poi comunque si continua.
Volevo andare via oggi ma la sirena del porto ha cominciato a suonare alle quattro di mattina quindi sono restato a dormire. La sirena suona quando c'è tempesta o quando c'è nebbia, al risveglio vedevo appena le barche nel pontile di fronte.

E' una costa un po' del cavolo, da fuori assomiglia al tratto tra Riccione e Ravenna, tutto piattissimo non ci sono neanche gli ombrelloni a colorare un po' le cose, molto spesso c'è il nebbione, se non c'è nebbia ci pensano le termiche del pomeriggio a movimentare tutto: con la temperatura dell'acqua vicina ai 15-17 gradi (se non c'è upwelling più forte, altrimenti arriva a 12 gradi) e quella della terra vicina ai 30-35 gradi, la brezza non scherza per niente, a mezzogiorno accendono i ventilatori e in un quarto d'ora il vento va a sette, otto, dieci, dodici, nove, tredici, sedici, quindici, diciassette, venti, ventidue, venticinque nodi quasi sempre, spesso ventisette, trentuno, ventinove, trentaquattro, trentacinque, guarda caso proprio per movimentare le cose e pompare adrenalina mentre uno sta entrando in porto.

Alcuni azulejos di Povoa: le raccoglitrici di alghe, la tragedia di febbraio, la barca-segnale che indica il passaggio della barra d'entrata.






I segni in verticale sulla sinistra sono dei simboli celtici. Oppure sono passati quelli di Blair Witch Project e hanno lasciato un ricordino; vai a sapere.








12 ago 2009

Ensenada de San Simon

Un'insenatura in cima a una ria, si passa sotto il ponte e si ha un'isoletta con prospiciente spiaggia tutta per sé.
(Videino fatto dal gommone)




Su google earth è qui

Agrandir le plan



11 ago 2009

Maledetto Proust

Partito da due mesi e mezzo circa già mi ritrovo a oscillare, fra i ricordi vivissimi della Galizia, guardo una carta di una ria e mi vien voglia di ritornare indietro subito, e l'eccitazione per i prossimi porti del Portogallo, il ponte 25 aprile di Lisbona, i fiumi del sud, Siviglia...
Intanto sono a Povoa do Varzim, un posto molto piacevole ma ancora una volta ne avro' nostalgia una volta passato, so che è bello ma il presente impedisce di viverlo, in una certa misura. Prospettiva di un'ennesima nostalgia. Sempre in bilico fra passato e futuro, in un presente inavvicinabile, fuggente.

Salvo in rarissime occasioni.
Una mattina all'alba, all'ancora davanti alla spiaggia bianca di un'isola parco nazionale (Cies), foresta di eucalipti e pini, gabbiani che volano in tondo ritornando di continuo sulle loro tracce aeree, la barca che rolla un po', sotto dormono ancora tutti. Un raro momento di presenza nel presente, per una volta sono passato e futuro ad essere scomparsi.
Due minuti di immagini tutte identiche alla prima.
Accidenti a Proust e a chi l'ha inventato.







Questo invece è un videino del posto








10 ago 2009

Passerella all'opera

A Viana do Castelo, il primo porto portoghese a nord dove siamo arrivati io e la Borina, c'è una passerella girevole gigante che si apre ogni volta che qualcuno entra o esce





Parlando di passerella, si ormeggia con una cima che corre lungo il fondo del porto, sono entrato di poppa perché cosi' potevo mettere le due cime di ormeggio al pontile, ma segretamente perché cosi' potevo provare la passerella risultato del faidate primaverile.





Funziona! Non scricchiola, ci sono saltato sopra un bel po' e sembra tenere.

Devo perfezionare un po' l'attacco dal lato barca (penso di approfittare del blocco del timone a vento), poi non sono ancora convinto se usare le due cime di sostegno legate al catafalco (cosa che permette di non dover controventare lateralmente la passerella) come si vede nelle foto, oppure una sola cima che viene da testa d'albero e si divide in due: c'è il vantaggio dell'elasticità, si puo' lasciare la passerella sospesa lato banchina e quando ci si passa lei si abbassa e tocca il molo, cosa che invece non succede con le due cime al catafalco perché sono troppo corte/inelastiche.
















La descrizione della costruzione della passerella è qui
http://sybrancaleone.blogspot.com/2009/04/una-passerella.html















Il porto è qui


Agrandir le plan



VID - Uno dei nuovi VOR Telefonica, in porto

Ecco il videino di uno dei Telefonica, sta entrando a Sanxenxo (nome più galiziano di questo si muore)






2 ago 2009

Brancaboa




Come al solito il Branca trova ogni motivo per fare da boa alle barche da corsa, qui ci sono i due VOR70 Telefonica, giusto qualche attimo prima della presentazione al Re di Spagna. Ce n'è uno, l'altro era dall'altro lato della baia.
Ho anche un filmino dei due, quando accostano al pontile del gasolio non è che facciano tanti complimenti con i parabordi. Il tempo di caricarlo..

Photobucket

Photobucket


Photobucket



1 ago 2009

Barche e uomini



Barche
Dal punto di vista velico, la Galizia è un posto di passaggio, la quasi totalità delle barche sono in transito per andare da qualche altra parte. Una parte sono barche del nord che vanno verso sud, una parte sono barche del nord che stanno tornando a nord dopo essere state a sud, un'altra parte sono barche da posti impensabili tipo Australia, Nuova Caledonia, Sud Africa.
Una barca dalla Nuova Zelanda per esempio, una coppia di vecch.. oops di persone di una certa età hanno fatto Cape Town - St.Helena diretto (nel mezzo dell'Atlantico sud), poi St.Helena - Azzorre cinque settimane non stop, anche perché dove mai avrebbero potuto fermarsi), poi Azzorre - Galizia, poi continuavano verso l'Inghilterra.
MukTuk, barca tedesca che a vederla non ci si monterebbe sopra neanche in porto, di ritorno dall'Alaska, hanno fatto Capo Horn - Azzorre in diretta, gli ho chiesto perché non vi siete fermati lungo la costa brasiliana mi ha risposto perché ormai l'abbiamo vista talmente tante volte che non ci interessa più. Ah fra l'altro, siccome il loro bambinetto di tre anni ha smesso da poco di usare i pannolini ci hanno offerto un paccone gigante di pannolini patagonici per Tea. Dimmi te.
Minnie B, una barca di Belfast, si' Belfast dell'IRA e del Bloody Sunday, viene da aprire l'ombrello solo a nominare il posto. Philip e Norma due persone simpaticissime, con le quali abbiamo trovato quel qualcosa in più in comune rispetto al piacere di andare in barca. Ora vanno verso sud, per un giro dell'Atlantico.
Il plasticone di una coppia francese, il primo giro del mondo lo hanno fatto in tre anni, troppo rapido ora ripartono per dieci anni per il secondo, abbiamo trovato una certa affinità sul tipo di destinazioni preferite e ci hanno dato un po' di coordinate, posti che "lascia stare la polinesia, vai qui". Vedremo.

Sto accumulando un po' di dati per una statistica più rappresentativa, pero' alcune cose emergono già molto distintamente.
1. Tutto il blablabla sulla necessità imprescindibile di avere un Hallberg Rassy per andare in giro, oppure un cassone di metallo per divertirsi a farlo rimbalzare sulle barriere coralline, è quello che è: essenzialmente blablabla.
Oddio, per carità ci sono anche quelle, a ognuno il suo tipo di barca preferita, ma i numeri, le crude cifre delle barche che si vedono in giro descrivono una realtà radicalmente diversa: ci sono barche assolutamente di ogni tipo, ogni dimensione, ogni materiale e ogni età.

2. Sorpresa sorpresa: una gran parte delle barche che si vedono (parlo sempre di barche che viaggiano, non degli spagnoli che sono essenzialmente stanziali) sono banali plasticoni tipo Beneteau e affini. Si' si', addirittura dei Bavaria oooooooooohhh. Non ce ne sono tanti che affondano, sembra.

3. Uomini.
Cavolo mi dicevo ora incontro i grandi navigatori e invece grossa fregatura i Capitani Coraggiosi non ci sono più (perché magari sono tutti sui forum internet ah ah ah), sembra che la gente più faccia miglia più desideri stare zitta, e si puo' solo apprezzare.
Anche qui, grande varietà, in tutti i sensi: il solitario tutto depilato anche nelle sopracciglia, parecchie coppie di anziani sia coppie uomo donna che coppie di uomini, talvolta alcolismo rampante con gente già semiubriaca di g&t alle dieci di mattina, persone che restano solo alcune ore in un posto e poi se ne vanno, persone che arrivano e non si muovono più da quante alghe gli sono cresciute sotto. Di tutto, c'è *veramente* di tutto.



29 lug 2009

ENG - Minnie B

The vast majority of cruising boats in Galicia are foreign, non-Spanish.
The NW corner of Spain is a sort of transit area: a place where people spend a few days or weeks on route to somewhere else. The most common question being first asked among cruisers is: Going north or going south ?
The largest number by far are British boats, then there are French ones, followed by Dutch, German, the odd Australian or New Zealand boat.
A few Irish, too. We even saw one from Northern Ireland, Belfast -which to us ignorant southerners basically recalls gloomy atmospheres of Ken Loach movies, the IRA, Sunday Bloody Sunday, the Waterboys. And oh yes, also a lot of rain.
"Minnie B" is the name of the boat of Phil and Norma, among the nicest and warmest persons we met.
Or should I say, we kept on meeting: the first time we saw them was in Coruña, then Camariñas, then Portosin, the Rias, etc, basically we kept on randomly sharing the same ports or anchorages every few days.
Funnily enough, when we had not actually talked to each other yet, Phil wrote a message on the YBW forum asking for someone located in the Rias with a sewing machine which could make mosquito nets, I replied, and in Pobra do Caramiñal we eventually met and made them, the whole thing being followed by a very nice evening together. After that, whenever Bora saw a boat with a wind generator on the stern arch she asked: Is that Philip's boat ?

This is a shot of Minnie B under the Rande bridge.


We last met in Viana, where Norma prepared an excellent pasta for dinner (yes, Brits know how to cook) while Bora was jumping up and down everywhere on Minnie B; now they start going South a little more rapidly as they are leaving from Southern Portugal to Madeira at the beginning of September, then continue South towards the Canaries, Cape Verde, Brazil and eventually the Caribbean, their trip can be followed at